02 Giugno 2020
blog
percorso: Home > blog

Rubrica su "AL SAS"

Informazioni BIO, Blog dell'Azienda Agricola La Casetta di Gelli Laura
scritto da Gelli Laura il 19-02-2020 08:48
perdita di varietà
Il mondo rurale: un ponte tra passato e futuro
Agricoltura e miglioramento genetico

Laura Gelli


Biodiversità è la nuova frontiera

Il declino del numero e dei tipi di piante coltivate nei campi (agro-biodiversità), i cambiamenti climatici e la fame nel mondo, sono tre dei problemi globali discussi più frequentemente.
I tre problemi sono intimamente connessi e come tali dovrebbero essere affrontati anche se spesso si fa proprio il contrario. Come vedremo in dettaglio più avanti, i punti di congiunzione di questi problemi sono i semi. I semi forniscono gran parte della nostra alimentazione (anche quando mangiamo animali, mangiamo indirettamente piante) e l'alimentazione ha grandi conseguenze sulla nostra salute. Perciò parlare dei semi vuole dire parlare della nostra salute.
Che il clima stia cambiando é ormai generalmente accertato, tanto é vero che non si discute più se i cambiamenti stiano avvenendo, ma su cosa fare per mitigarne l'effetto e/o adattare le colture ad un clima che in molti casi sarà più asciutto e più caldo di quello di oggi, e soprattutto più variabile. Ė anche accertato che nei prossimi anni i cambiamenti climatici avranno un effetto profondo e diretto sui sistemi agricoli e/o alimentari. Purtroppo l'alternarsi di politici con pochi scrupoli ai vertici mondiali rende una possibile strategia mondiale inapplicabile, con la conseguenza che il clima peggiora, ma la scienza non vi pone rimedi.

L'agricoltura scientifica e industriale si é largamente basata sulla monocoltura e sull'uniformità. Delle circa 250.000 specie vegetali che si stima esistano sul pianeta, delle quali circa 50.000 sono commestibili, noi ne mangiamo appena 250, tra le quali 15 forniscono il 90% delle calorie nella nostra dieta, e soltanto 3 (riso, mais e grano) il 60%.
In queste tre colture il miglioramento genetico (scienza con cui i ricercatori producono nuove varietà di piante e nuove razze di animali domestici) ha drasticamente ridotto la diversità genetica, perché ha riempito i campi di piante tutte uguali. Oggi per esempio, il 75% della superficie mondiale coltivata a patate, e il 65% della superficie mondiale coltivata a riso, é basata soltanto su quattro varietà; per altre colture come mais, soia e frumento la situazione non é molto diversa.

In aggiunta alla progressiva diminuzione di biodiversità nelle colture più importanti, vi é stata anche una progressiva concentrazione del controllo del mercato dei semi. Nel 2006 le ditte private fornivano globalmente i 2/3 del seme, e tra il 1994 e il 2009, la quota globale di mercato del seme, nelle mani di quattro corporazioni industriali, é passata dal 21 al 54%. Nel 2009, otto corporazioni controllavano il 63,4% del mercato mondiale dei semi e il 74,8 % del mercato di pesticidi e diserbanti.
E' difficile pensare che vi sia un interesse a produrre varietà resistenti a malattie ed insetti se chi vende semi vende anche pesticidi, e se chi vende semi e pesticidi, produce anche varietà. Questa é stata purtroppo la tendenza degli ultimi decenni con un aumento progressivo del miglioramento genetico fatto dalle corporazioni industriali a scapito di quello di pubblico interesse. Tuttavia i contadini debbono sempre tenere presente che il mercato é fatto di domanda e di offerta, e nel caso del mercato del seme, loro rappresentano la domanda: se smettono di comprare il seme perché se lo producono da soli, l'offerta é costretta a cambiare.

Una delle conseguenze meno appariscenti della privatizzazione scientifica del miglioramento genetico é la mancanza di riconoscimento e di utilizzazione del sapere dei contadini, e di conseguenza la loro graduale scomparsa. Ė bene ricordare che dalla domesticazione delle piante coltivate, iniziata nel Neolitico, circa 10.000 anni fa (per domesticazione si intende il processo graduale per cui si é passati dalle piante selvatiche, che spesso esistono ancora, a quelle coltivate), per circa 9.900 anni l'intero processo del miglioramento genetico, compresa la produzione del seme e la distribuzione delle colture nel mondo, é stato nelle mani di contadini analfabeti. In queste migliaia di anni si é formato quello che si chiama "sapere contadino" basato su un rapporto quotidiano tra uomo, piante e animali, con un accumulo di conoscenze giorno per giorno basata sull'esperienza fisica e umana.
Circa 100 anni fa, ciò che fino allora era stato fatto da tantissimi agricoltori in tantissimi posti diversi, cominciò ad essere fatto da pochi ricercatori in relativamente pochi posti, ovvero nei centri di ricerca i quali col tempo hanno finito per somigliare sempre meno alla realtà dei campi degli agricoltori. Lo sanno bene gli australiani che oggi, anche dopo la privatizzazione del miglioramento genetico, fanno selezione nei campi degli agricoltori. Durante questo processo, e con rarissime eccezioni, non é stato fatto alcun uso di quel sapere contadino accumulato nei millenni.

Se questo è vero per tutta l'agricoltura convenzionale (agricoltura che utilizza fitofarmaci fertilizzanti e diserbanti chimici), ciò non trova risposta nell'agricoltura biologica o biodinamica, che ricerca invece la biodiversità. Cosa si intende per "biodiversità agricola"? E' la diversità delle specie coltivate per scopi alimentari, medicinali, industriali etc. La biodiversità agricola é la somma della diversità tra specie, tra varietà entro specie e tra individui entro varietà. Questa biodiversità è necessaria perché ambienti con condizioni climatiche diverse hanno necessità di specie diverse, che ben si adattano al microclima ambientale.

Molte organizzazioni internazionali, riconoscendo il valore e l'importanza della biodiversità in generale e della biodiversità agraria in particolare per il futuro dell'umanità, hanno promosso e promuovono la conservazione delle vecchie varietà locali e dei loro progenitori selvatici in strutture note come "banche del seme" o "banche del germoplasma". Si tratta di edifici dove i semi vengono conservati in condizioni (bassa temperatura e bassa umidità) che ne dovrebbero assicurare la germinabilità per molti anni. Periodicamente, ogni certo numero di anni che varia con la specie e con le condizioni di conservazione, il seme viene seminato e ringiovanito.
Al mondo esistono circa 1700 banche del seme con 7.400.000 campioni di semi. Le collezioni meglio documentate sono quelle dei Centri Internazionali di Ricerca (www.cgiar.org) che complessivamente hanno oltre 700.000 campioni, di cui quasi il 60% di varietà antiche, di oltre 3000 specie diverse.

Le banche del seme sono essenziali come ultima risorsa in caso di calamità, tuttavia, il problema più grave che si crea in queste strutture è che esse, oltre a congelare il seme, congelano anche l'evoluzione e la conoscenza.
Esistono esempi di banche del seme gestite direttamente da agricoltori. Molto più diffuse sono le figure di agricoltori, che dedicano parte del loro tempo e delle loro risorse alla conservazione di varietà antiche. In alcuni casi questi agricoltori, detti anche "agricoltori custodi", sono organizzati in associazioni. Il loro lavoro di selezione delle sementi introduce un concetto importante: il miglioramento genetico.

Il miglioramento genetico é quella scienza (alcuni la considerano come un misto di scienza e arte) che ha lo scopo di produrre nuove varietà di specie coltivate, e nuove razze di animali domestici, combinando in un unico individuo caratteristiche favorevoli presenti in individui diversi.
Il miglioramento genetico opera soprattutto attraverso il controllo degli incroci, scegliendo uno o entrambi i genitori degli incroci sulla base di obiettivi ben specifici (aumento delle produzioni, miglioramento della qualità, introduzione o aumento della resistenza alle malattie, etc.).

Con l'avvento della genetica molecolare, il miglioramento genetico può oggi avvalersi di tecniche che consentono di conoscere con precisione i geni posseduti dagli individui (cioè il loro genotipo), anziché fermarsi soltanto al loro aspetto esteriore (cioè il loro fenotipo che risulta dagli effetti combinati del genotipo e dell'ambiente).
In questo modo é possibile scegliere i genitori e successivamente gli individui che si ottengono dagli incroci in base ai geni che possiedono, aumentando notevolmente l'efficacia della selezione. Il miglioramento genetico molecolare (che viene spesso incluso nel termine generico di biotecnologie) non é diverso da quello convenzionale, perché entrambi operano nell'interno delle specie definite come sopra, senza una manipolazione dei geni e senza modificare il DNA (cosa che fanno per ottenere le sementi OGM).

In realtà il miglioramento genetico è avvenuto in maniera naturale fino al secolo scorso, attraverso l'impollinazione degli insetti di diverse colture, quando venivano coltivate molte specie, selezionate successivamente dall'uomo perché più produttive e meglio resistenti alla malattie, un po' come è avvenuto per l'uomo in centinaia di anni.

La scienza oggi ci dà una mano: soprattutto per ritrovare il riconoscimento del DNA di specie e varietà perse, per ripristinare una biodiversità importante per l'umanità, per poter coltivare in modo biologico e biodinamico conduzioni poco impattanti e quindi veramente ecosostenibili. Per poter salvare il mondo tutti i settori produttivi devono fare la loro parte, e l'agricoltura non è da meno, perché a differenza di quanto si possa pensare, attualmente l'agricoltura convenzionale gronda di petrolio e di conseguenza consuma e inquina il mondo che abitiamo.


Sito realizzato da www.rifranet.com
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Privacy del sito www.aziendaagricolalacasetta.it
Di seguito Informativa sulla Privacy per il trattamento dei dati personali
Per l' Informativa sull’utilizzo dei Cookies clicca qui
INFORMATIVA PRIVACY del sito www.aziendaagricolalacasetta.it
In questa pagina sono descritte le modalità di gestione del sito aziendaagricolalacasetta.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n. 196/2003 (“Codice Privacy”) nonché ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 (noto come GDPR, General Data Protection Regulation) relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali (di seguito, per brevità “Regolamento” o “GDPR”) a coloro che interagiscono con i servizi web del presente portale accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo www.aziendaagricolalacasetta.it corrispondente alla pagina iniziale di AZIENDA AGRICOLA LA CASETTA. L’informativa è resa solo per il sito www.aziendaagricolalacasetta.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

Titolare del trattamento e responsabile della protezione dei dati
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. (vedi il paragrafo "La tipologia dei Dati Trattati".)

Il titolare del trattamento dei dati è:
AZIENDA AGRICOLA LA CASETTA
Per eventuali richieste o domande relative all’informativa sull’uso dei cookie o all’informativa sulla privacy, contattate il nostro personale al seguente indirizzo
e-mail: info@aziendaagricolalacasetta.it

Il Responsabile della protezione dei dati (cd. “Data Protection Officer”, nel seguito “DPO”) è
Federico Tortora domiciliata per la carica presso la sede legale di AZIENDA AGRICOLA LA CASETTA
email: : info@aziendaagricolalacasetta.it

È possibile rivolgersi al Titolare del trattamento per chiedere eventuali chiarimenti in materia di tutela dei dati personali, e per l’esercizio dei diritti previsti dal GDPR nel successivo paragrafo della presente informativa, utilizzando i seguenti recapiti:

AZIENDA AGRICOLA LA CASETTA
Via Cerro Amarolo, 5 - Marzabotto (BO)
email: info@aziendaagricolalacasetta.it

Diritti dell’interessato
In ogni momento l’interessato potrà esercitare, ai sensi dell’art. 7 del Codice Privacy e degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento, i seguenti diritti (ove applicabili):
a. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
b. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
c. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
d. ottenere la limitazione del trattamento;
e. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza impedimenti;
f. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing diretto;
g. opporsi ad un eventuale processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione;
h. chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
i. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
j. proporre un reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, con sede a Roma, in Piazza di Monte Citorio n. 121, sito web ufficiale dell’Autorità www.garanteprivacy.it.
L’esercizio dei diritti non è soggetto ad alcun vincolo di forma ed è gratuito.

La raccolta dei dati
Il sito è stato concepito con la prevalente funzione di fornire informazioni sull’attività diAZIENDA AGRICOLA LA CASETTA . In linea generale, quindi, il sito non raccoglie dati personali.

Il luogo di trattamento dei dati
I dati di navigazione personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.aziendaagricolalacasetta.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della comunità europea. I dati personali di navigazione dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.
AZIENDA AGRICOLA LA CASETTA garantisce che il trattamento dei dati acquisiti via posta elettronica o con altra modalità – è conforme a quanto previsto dalla normativa in materia di protezione dei dati personali. Si veda al riguardo www.garanteprivacy.it.

La tipologia dei Dati Trattati
Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono mantenuti per il periodo minimo richiesto dalla normativa vigente. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.

Dati forniti volontariamente dall’utente
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli altri eventuali dati personali inseriti nella missiva.
Tali dati saranno conservati al di fuori di questo sito web e dei server che lo ospitano.

Le modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Sono osservate specifiche misure di sicurezza per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti e accessi non autorizzati.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc..
Particolarmente importanti sono:
• i dati che permettono l'identificazione diretta - come i dati anagrafici (ad esempio: nome e cognome), le immagini, ecc. - e i dati che permettono l'identificazione indiretta, come un numero di identificazione (ad esempio, il codice fiscale, l'indirizzo IP, il numero di targa);


Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.aziendaagricolalacasetta.it
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.aziendaagricolalacasetta.it(o sito web)
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.aziendaagricolalacasetta.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.aziendaagricolalacasetta.it, dove non diversamente specificato.

Data ultima modifica: 01/06/2018

torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account